Skip to Content Skip to Search

I dati preclinici dimostrano che sotrovimab mantiene l'attività contro le mutazioni chiave di Omicron, nuova variante SARS-CoV-2

  • I dati preclinici dimostrano che sotrovimab, autorizzato in più paesi in tutto il mondo, mantiene l'attività contro tutte le varianti testate che destano preoccupazione, comprese le mutazioni chiave di Omicron
  • Dati da confermare con ulteriori test di pseudo-virus in vitro

Verona, 2 dicembre 2021 - GlaxoSmithKline plc (LSE/NYSE: GSK) e Vir Biotechnology, Inc. (Nasdaq: VIR) hanno annunciato oggi un aggiornamento di bioRxiv, un server di prestampa, con dati preclinici che dimostrano che sotrovimab, un anticorpo monoclonale sperimentale, mantiene l'attività contro le mutazioni chiave della nuova variante di Omicron SARS-CoV-2 (B.1.1.529), comprese quelle trovate nel sito di legame di sotrovimab. Questi dati sono stati generati attraverso test di pseudo-virus su specifiche mutazioni individuali trovate in Omicron. Ad oggi, sotrovimab ha dimostrato di essere attivo contro tutte le varianti testate di preoccupazione e interesse definite dall'Organizzazione mondiale della sanità (OMS). Le aziende stanno ora completando i test sugli pseudo-virus in vitro per confermare l'attività neutralizzante di sotrovimab contro la combinazione di tutte le mutazioni di Omicron con l'intento di fornire un aggiornamento entro la fine del 2021.

George Scangos, PhD, amministratore delegato di Vir, ha dichiarato: “Sotrovimab è stato deliberatamente progettato pensando a un virus mutante. Prendendo di mira una regione altamente conservata della proteina spike che ha meno probabilità di mutare, speravamo di affrontare sia l'attuale virus SARS-CoV-2 che le varianti future che ci aspettavamo sarebbero state inevitabili. Questa ipotesi è stata confermata più e più volte, con la sua continua capacità di mantenere l'attività contro tutte le varianti testate di interesse fino ad oggi, comprese le mutazioni chiave trovate in Omicron, come dimostrato dai dati preclinici. Abbiamo tutte le aspettative che questo trend positivo continuerà e stiamo lavorando rapidamente per confermare la sua attività contro l'intera sequenza di combinazione di Omicron”.

Il dottor Hal Barron, Chief Scientific Officer e President R&D, GSK, ha dichiarato: “Sin dall'inizio della pandemia, abbiamo lavorato con Vir per combinare le nostre competenze e tecnologie scientifiche per offrire un'opzione di trattamento duratura per i pazienti con COVID-19. Sebbene precoci, questi dati preclinici supportano la nostra visione di lunga data sul potenziale di sotrovimab nel mantenere la sua attività mentre il virus continua a mutare. Siamo lieti che questa opzione di trattamento sia disponibile per i pazienti negli Stati Uniti e in molti altri paesi e stiamo lavorando per espandere l'accesso in tutto il mondo".

A proposito di sotrovimab

Sotrovimab è un anticorpo monoclonale neutralizzante SARS-CoV-2 sperimentale. L'anticorpo si lega a un epitopo su SARS-CoV-2 condiviso con SARS-CoV-1 (il virus che causa la SARS), indicando che l'epitopo è altamente conservato, il che potrebbe rendere più difficile lo sviluppo di resistenza. Sotrovimab, che incorpora la tecnologia Xtend™ di Xencor, è stato anche progettato per raggiungere un'elevata concentrazione nei polmoni per garantire una penetrazione ottimale nei tessuti delle vie aeree colpiti da SARS-CoV-2 e per avere un'emivita estesa.

I dati in vitro aggiornati, pubblicati su bioRxiv, dimostrano che sotrovimab mantiene l'attività contro tutte le varianti attualmente testate di preoccupazione e interesse del virus SARS-CoV-2 come definito dall'OMS, oltre ad altre, incluse ma non limitate a Delta (B.1.617.2), Delta Plus (AY.1 o AY.2), Mu (B.1.621) e mutazioni chiave di Omicron (B.1.1.529).

Informazioni sul programma di sviluppo clinico di sotrovimab

  • COMET-ICE: uno studio di Fase III, multicentrico, in doppio cieco, controllato con placebo ha studiato un'infusione endovenosa (IV) di sotrovimab in adulti con COVID-19 da lieve a moderato ad alto rischio di progressione a malattia grave, che non sono ricoverati e non necessitano di ossigeno. I risultati finali dello studio COMET-ICE nell'intera popolazione dello studio di 1.057 partecipanti hanno dimostrato una riduzione del 79% (riduzione del rischio relativo aggiustato) (p<0,001) del ricovero per più di 24 ore o del decesso per qualsiasi causa entro il giorno 29 rispetto al placebo , soddisfacendo l'endpoint primario della sperimentazione. I dati intermedi sono stati pubblicati sul New England Journal of Medicine il 27 ottobre 2021 e i dati finali sono stati pre-pubblicati l'8 novembre 2021 su medRxiv.
  • COMET-TAIL: uno studio di fase III, randomizzato, multicentrico, in aperto, di non inferiorità della somministrazione intramuscolare (IM) rispetto alla somministrazione IV di sotrovimab per il trattamento precoce del COVID-19 da lieve a moderato in pazienti ad alto rischio pazienti adulti e pediatrici non ospedalizzati (di età pari o superiore a 12 anni). L'endpoint primario dello studio è stato raggiunto e i dati principali hanno dimostrato che il sotrovimab somministrato per via intramuscolare non era inferiore e offriva un'efficacia simile alla somministrazione endovenosa per le popolazioni ad alto rischio. Le aziende intendono inviare il set completo di dati COMET-TAIL a una rivista peer-reviewed per la pubblicazione nel primo trimestre del 2022.
  • COMET-PEAK: studio di Fase II, randomizzato, multicentrico, a gruppi paralleli che valuta la somministrazione IV e IM di sotrovimab in pazienti ambulatoriali con COVID-19 da lieve a moderato. I dati disponibili fino ad oggi dalla Parte B in aperto dello studio (500 mg IV vs. 500 mg IM) hanno dimostrato l'equivalenza sulla risposta virologica tra i bracci IM e IV. Le società prevedono di inviare a tempo debito la serie completa di dati COMET-PEAK a una rivista sottoposta a revisione paritaria per la pubblicazione.
  • GSK e Vir stanno anche collaborando per studiare l'uso di sotrovimab in adulti immunocompromessi non infetti per determinare se sotrovimab può prevenire l'infezione sintomatica da COVID-19. GSK e Vir stanno supportando studi sponsorizzati da ricercatori e favorendo collaborazioni scientifiche con ricercatori esperti e reti coinvolte nel continuum della cura dei pazienti immunocompromessi, per comprendere il ruolo che il sotrovimab per la profilassi potrebbe svolgere in questa popolazione. Le discussioni con le autorità di regolamentazione in merito al programma di profilassi si svolgeranno a tempo debito.

Informazioni sull'accesso globale a sotrovimab

  • Sotrovimab è autorizzato per l'uso di emergenza negli Stati Uniti. Xevudy (sotrovimab) ha ricevuto un parere scientifico positivo ai sensi dell'articolo 5, paragrafo 3, del regolamento 726/2004 dal comitato per i medicinali umani (CHMP) nell'UE, ha ottenuto un'autorizzazione all'immissione in commercio provvisoria in Australia e un'autorizzazione all'immissione in commercio condizionata in Arabia Arabia. In Giappone, è stato approvato tramite l'approvazione speciale per il percorso di emergenza. Autorizzazioni temporanee per sotrovimab sono state concesse in una dozzina di paesi.
  • GSK e Vir hanno anche recentemente presentato la domanda di autorizzazione all'immissione in commercio (MAA) all'Agenzia europea per i medicinali per Xevudy (sotrovimab) per il trattamento di adulti e adolescenti (di età pari o superiore a 12 anni e con un peso di almeno 40 kg) con malattia da coronavirus 2019 (COVID -19) che non richiedono l'integrazione di ossigeno e che sono a rischio di progredire verso il COVID-19 grave.
  • Sotrovimab è fornito in diversi paesi del mondo, anche attraverso accordi nazionali negli Stati Uniti, Regno Unito, Giappone, Australia, Canada, Singapore, Svizzera ed Emirati Arabi Uniti. Abbiamo anche firmato un accordo di appalto congiunto con la Commissione europea per la fornitura di dosi di sotrovimab. Ulteriori accordi devono ancora essere annunciati a causa della riservatezza o dei requisiti normativi.

Il presente comunicato è una sintesi fedele dell’originale in inglese reperibile nell'area Media del sito globale di GSK a cui si rimanda per completezza e riferimenti bibliografici.