Skip to Content Skip to Search

GSK e CureVac svilupperanno vaccini mRNA COVID-19 di nuova generazione

  • Le aziende mirano a sviluppare un vaccino candidato multi-valente per affrontare le varianti emergenti per l'uso pandemico ed endemico
  • Lo sviluppo inizierà subito per mirare alla disponibilità di vaccini nel 2022, previa approvazione regolatoria
  • GSK supporterà anche la produzione fino a 100 milioni di dosi del vaccino COVID-19 di prima generazione CVnCoV di CureVac nel 2021

Londra, Regno Unito - Tubinga, Germania - Boston, Stati Uniti, 3 febbraio 2021 -

GlaxoSmithKline plc (LSE / NYSE: GSK) e CureVac NV (Nasdaq: CVAC) hanno annunciato oggi una nuova collaborazione da 150 milioni di euro, sulla base della loro relazione esistente, per sviluppare congiuntamente vaccini mRNA di prossima generazione per COVID-19 con il potenziale per una soluzione multi-valente per affrontare più varianti emergenti della malattia.

GSK sosterrà anche la produzione fino a 100 milioni di dosi del candidato vaccino COVID-19 di prima generazione di CureVac CVnCoV nel 2021.

Attraverso questo nuovo accordo di co-sviluppo esclusivo, GSK e CureVac contribuiranno con risorse e competenze alla ricerca, allo sviluppo e alla produzione di una serie di nuovi candidati per il vaccino a mRNA, inclusi approcci multi-valenti e monovalenti. Lo scopo di questo lavoro è offrire una protezione più ampia contro una varietà di diverse varianti SARS-CoV2 e consentire una risposta rapida a nuove varianti potenzialmente emergenti in futuro. Il programma di sviluppo inizierà immediatamente, con l'obiettivo di introdurre il vaccino nel 2022, previa approvazione regolatoria.

L'aumento delle varianti emergenti con il potenziale per ridurre l'efficacia dei vaccini COVID-19 di prima generazione richiede un'accelerazione degli sforzi per sviluppare vaccini contro nuove varianti per mantenersi un passo avanti rispetto alla pandemia. Questi vaccini COVID-19 di nuova generazione possono essere utilizzati per proteggere le persone che non sono state vaccinate in precedenza o per fungere da stimolatori nel caso in cui l'immunità COVID-19 ottenuta da una vaccinazione iniziale si riduca nel tempo. Inoltre, la collaborazione valuterà lo sviluppo di nuovi vaccini a mRNA per la protezione da più virus respiratori, incluso COVID-19.

Questa collaborazione si baserà sul candidato vaccino COVID-19 di prima generazione CVnCoV di CureVac, che è attualmente in sperimentazione clinica di fase 2b / 3 e sulla capacità di CureVac di ottimizzare l'mRNA per una forte risposta immunitaria e per producibilità e stabilità a 2-8 °C, standard attuale per la catena di fornitura dei vaccini. La piattaforma di CureVac è adattata in modo univoco alla progettazione di vaccini multivalenti con una risposta immunitaria equilibrata e una bassa dose di mRNA.

Emma Walmsley, amministratore delegato di GSK, ha dichiarato: “Crediamo che i vaccini di prossima generazione saranno cruciali nella lotta continua contro COVID-19. Questa nuova collaborazione si basa sulla nostra relazione esistente con CureVac e significa che insieme, uniremo la nostra esperienza scientifica nello sviluppo di mRNA e vaccini per far avanzare e accelerare lo sviluppo di nuovi candidati vaccini COVID-19. Allo stesso tempo, sosterremo anche la produzione dei vaccini di prima generazione di CureVac con la produzione di 100 milioni di dosi nel 2021 ".

Franz-Werner Haas, amministratore delegato di CureVac, ha dichiarato: “Siamo molto lieti di far progredire la nostra relazione con GSK attraverso un nuovo accordo per sviluppare congiuntamente vaccini basati su mRNA di prossima generazione, oltre al nostro attuale candidato CVnCoV. Con l'aiuto della comprovata esperienza di GSK sui vaccini, ci stiamo attrezzando per affrontare le future sfide sanitarie con nuovi vaccini ".

Nell'ambito della nuova collaborazione, GSK supporterà anche la produzione del candidato vaccino COVID-19 di prima generazione di CureVac CVnCoV, attualmente in fase di sperimentazione di fase 2b / 3. Utilizzando la sua consolidata rete di produzione in Belgio, GSK mira a supportare la produzione fino a 100 milioni di dosi del vaccino nel 2021.

In base ai termini del nuovo accordo di collaborazione, GSK sarà il titolare dell'autorizzazione all'immissione in commercio per il vaccino di nuova generazione, ad eccezione della Svizzera, e avrà i diritti esclusivi per sviluppare, produrre e commercializzare il vaccino COVID-19 di prossima generazione in tutti i paesi con l’eccezione di Germania, Austria e Svizzera. GSK effettuerà un pagamento anticipato di 75 milioni di euro e un ulteriore pagamento milestone di 75 milioni di euro, subordinato al raggiungimento di specifici traguardi.

GSK è un'azienda farmaceutica internazionale fondata sulla ricerca con uno scopo davvero speciale: aiutare le persone a essere più attive, sane e longeve. Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito GSK 

CureVac è un'azienda biofarmaceutica globale nel campo della tecnologia dell'RNA messaggero (mRNA), con oltre 20 anni di esperienza nello sviluppo e nell'ottimizzazione della versatile molecola biologica per scopi medici. Il principio della tecnologia proprietaria di CureVac è l'uso di mRNA non modificato chimicamente come supporto di dati per istruire il corpo umano a produrre le proprie proteine ​​in grado di combattere una vasta gamma di malattie. Sulla base della sua tecnologia proprietaria, l'azienda ha costruito una profonda pipeline clinica attraverso le aree di vaccini profilattici, terapie contro il cancro, terapie con anticorpi e trattamento di malattie rare. CureVac ha avuto la sua offerta pubblica iniziale sul Nasdaq di New York nell'agosto 2020. Nel gennaio 2021 la società ha stipulato un accordo di collaborazione e servizi con Bayer. CureVac ha sede a Tubinga, in Germania, e impiega più di 500 persone nelle sue sedi di Tubinga, Francoforte e Boston, Stati Uniti. Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito CureVac 

Il presente comunicato è una sintesi fedele dell’originale in inglese reperibile nell'area Media del sito globale di GSK a cui si rimanda per completezza e riferimenti bibliografici.