Skip to Content Skip to Search

GSK e Vir Biotechnology si alleano per individuare nuove soluzioni contro il coronavirus

  • Le due aziende integreranno le proprie specifiche competenze scientifiche e tecniche per combattere Covid-19 e le potenziali future epidemie da coronavirus
  • Entro i prossimi 3-5 mesi il via agli studi di fase 2 per i promettenti candidati anticorpi per Sars-CoV-2
  • GSK investirà 250 milioni $ in azioni nel capitale di Vir

Londra / San Francisco, 6 aprile 2020 - GlaxoSmithKline plc (LSE/NYSE: GSK) e Vir Biotechnology, Inc. (Nasdaq: VIR) annunciano oggi la firma di un accordo vincolante per una collaborazione nella ricerca e sviluppo di soluzioni per i coronavirus, compreso il SARS-CoV-2,  che causa COVID-19.

La collaborazione impiegherà, come base della piattaforma di anticorpi monoclonali, la tecnologia di proprietà di Vir; questo allo scopo di accelerare lo svilluppo di anticorpi monoclonali, nuovi o esistenti, che potrebbero essere impiegati come opzioni preventive o terapeutiche al fine di favorire la gestione dell’attuale pandemia da COVID-19 e future epidemie. Le aziende faranno leva sulla competenza di GSK in genomica funzionale e combineranno le loro capacità di screening con CRISPR e intelligenza artificiale per identificare composti anti-coronavirus che fanno dei geni delle cellule dell’ospite il proprio bersaglio. Inoltre metteranno a sistema le proprie competenze per ricercare nuovi vaccini preventivi nei confronti di SARS-CoV-2 e altri coronavirus.

Il Dr. Hal Barron, Chief Scientific Officer and President R&D, GSK, afferma: “L’esclusiva piattaforma anticorpi di Vir ha già avuto successo nell’identificazione e nello sviluppo di anticorpi per il trattamento di numerosi patogeni, ed è altamente complementare con il nostro approccio in ricerca e sviluppo, focalizzato sull’immunologia. Sono estremamente felice che il talento e la passione delle nostre due aziende si incontrino per sviluppare soluzioni per numerose malattie, compresi gli anticorpi mirati per COVID-19, molto promettenti”.

Visto l’urgente bisogno di trovare soluzioni per COVID-19 per i pazienti, inizialmente la collaborazione sarà concentrata sull’accelerazione dello sviluppo di candidati anticorpi specifici identificati dalla piattaforma di Vir, VIR-7831 e VIR-7832, che hanno dimostrato elevata affinità per la proteina Spike del SARS-CoV-2 e sono estremamente potenti nel neutralizzare SARS-CoV-2, in test di laboratorio su virus e cellule. Sulla base delle valutazioni regolatorie, le aziende hanno in progetto di procedere direttamente ad uno studio di fase 2 entro i prossimi tre-cinque mesi.

La collaborazione impiegherà anche lo screening CRISPR e l’approccio basato sul machine learning per identificare obiettivi cellulari la cui inibizione può  prevenire l’infezione virale. Vir ha identificato numerosi potenziali target per il virus dell’influenza e altri patogeni respiratori, così come per il virus dell’epatite B, e ora si concentrerà su SARS- CoV-2.

Inoltre le aziende si sono anche accordate per portare avanti ricerche su vaccini per SARS-CoV-2 e altri coronavirus, associando le tecnologie e le conoscenze sui vaccini di GSK con l’abilità di Vir di identificare epitopi neutralizzanti presenti in tutte le famiglie virali. Questi sforzi si aggiungeranno alle altre iniziative che GSK sta portando avanti per sviluppare un potenziale vaccino per COVID-19.

George Scangos, Ph.D., CEO, Vir Biotechnology, ha affermato: “Sta diventando sempre più chiaro che saranno necessari diversi approcci terapeutici, in combinazione o in sequenza, per fermare questo coronavirus pandemico. Probabilmente la corrente epidemia da coronavirus non sarà l’ultima. Queste informazioni stanno guidando il nostro approccio scientifico e siamo lieti di unire le nostre forze nel portare avanti questa strategia con GSK, con cui siamo in sintonia in tema di strategia di R&D, che ha una profonda competenza nei vaccini e un’impressionante capacità globale di portare farmaci alle persone in tutto il mondo”.

 

Il presente comunicato è uno stralcio dell’originale inglese reperibile nell'area media del sito gsk.com, cui si rimanda per interezza ed approfondimento.