Skip to Content Skip to Search

La Commissione Europea approva niraparib come trattamento di mantenimento in monoterapia di prima linea nel carcinoma ovarico avanzato

Niraparib è il primo inibitore di PARP approvato come monoterapia nell'Unione Europea per pazienti con carcinoma ovarico avanzato rispondente al platino, indipendentemente dallo stato del biomarcatore

Londra, 30 ottobre 2020 - GlaxoSmithKline (GSK) ha reso noto oggi che la Commissione europea ha approvato niraparib), un inibitore orale della poli (ADP-ribosio) polimerasi (PARP) da assumere una volta al giorno, come trattamento di mantenimento in monoterapia di prima linea per pazienti adulti con epitelio avanzato (FIGO Stadi III e IV) carcinoma ovarico di alto grado, tuba di Falloppio o peritoneale primario che sono in risposta completa o parziale dopo chemioterapia a base di platino. Questa approvazione rende il farmaco l'unico PARP inibitore approvato nell'Unione Europea per l'uso in monoterapia per pazienti con carcinoma ovarico avanzato, indipendentemente dal loro stato di biomarcatore.

Il dott. Hal Barron, Chief Scientific Officer and President R&D, GSK, ha dichiarato: “Ogni anno in Europa viene diagnosticato un cancro alle ovaie a oltre 65.000 donne. Questa approvazione significa che molte più donne avranno la possibilità di ricevere questo farmaco innovativo prima, estendendo potenzialmente il tempo che possono trascorrere senza che la malattia progredisca".

Nell'aprile 2020, la Food and Drug Administration (FDA) aveva approvato niraparib negli Stati Uniti per la stessa indicazione, supportata dai dati dello studio PRIMA di fase 3 (ENGOT-OV26 / GOG-3012) che hanno dimostrato un beneficio di sopravvivenza libera da progressione clinicamente significativo di niraparib nel contesto del mantenimento di prima linea. Lo studio PRIMA ha arruolato pazienti con carcinoma ovarico avanzato di nuova diagnosi che hanno risposto al trattamento di prima linea con chemioterapia a base di platino, una popolazione con elevate esigenze insoddisfatte e opzioni di trattamento limitate.

Il dottor Antonio Gonzalez-Martin, Co-Director, Department of Medical Oncology, Clinica Universidad de Navarra, Spagna, e primo investigator per PRIMA, ha dichiarato: "Fino ad ora solo le donne con carcinoma ovarico BRCA-mutante (BRCAm), che rappresentavano il 20% delle pazienti con carcinoma ovarico avanzato, erano eleggibili per essere trattate con un PARP inibitore come monoterapia nel contesto di mantenimento di prima linea. L'espansione del potenziale utilizzo di niraparib, indipendentemente dallo stato del biomarcatore, è un importante passo avanti nel trattamento di questa neoplasia ".

L'endpoint primario nello studio PRIMA era la sopravvivenza libera da progressione analizzata sequenzialmente, prima nella popolazione con deficit di ricombinazione omologa (HRd), poi nella popolazione complessiva. Lo studio PRIMA ha migliorato significativamente la PFS per i pazienti trattati con niraparib, indipendentemente dallo stato del biomarcatore. Nella popolazione HRd, niraparib ha determinato una riduzione del 57% del rischio di progressione della malattia o morte rispetto al placebo (HR 0,43; IC 95%, da 0,31 a 0,59; p <0,0001) e una riduzione del 38% del rischio di progressione della malattia o morte rispetto al placebo nella popolazione complessiva (HR 0,62; IC 95%, da 0,50 a 0,76; p <0,001). Inoltre, c'è stata una riduzione del 60% del rischio di progressione in quelli con tumori con mutazione BRCA (HR 0,40; 95% CI, da 0,27 a 0,62; p <0,001).

Il profilo di sicurezza del farmaco, come dimostrato dai risultati di PRIMA, era coerente con il profilo di sicurezza clinica osservato in precedenza. All'inizio dello studio PRIMA, i pazienti hanno ricevuto una dose iniziale fissa di 300 mg una volta al giorno. Lo studio è stato successivamente modificato per incorporare una dose iniziale personalizzata di 200 mg o 300 mg una volta al giorno in base al peso di base del paziente e / o alla conta piastrinica. Tassi più bassi di eventi avversi ematologici di grado 3 e 4 emergenti dal trattamento sono stati osservati con una dose iniziale personalizzata, rispetto alla popolazione generale, tra cui trombocitopenia (21% rispetto al 39%), anemia (23% rispetto al 31%) e neutropenia ( 15% rispetto al 21%).

Sulla base di questi risultati, le informazioni sulla prescrizione dell'UE di niraparib sono state aggiornate per includere la dose iniziale personalizzata una volta al giorno in base al peso di base del paziente e / o alla conta piastrinica.

Clara MacKay, Chief Executive Officer, World Ovarian Cancer Coalition, ha dichiarato: "Avere una nuova opzione di mantenimento di prima linea per i pazienti con carcinoma ovarico avanzato rispondente al platino in Europa - indipendentemente dallo stato di mutazione BRCA - parla dell'importante ruolo dei PARP  inibitori nella lotta contro il tumore ovarico. Siamo particolarmente lieti che l'approvazione di oggi significhi che più donne in Europa a cui è stato diagnosticato il tumore avranno questa nuova opzione di trattamento. Apprezziamo l'impegno e la leadership scientifica necessari per sviluppare nuove terapie innovative che affrontino le esigenze insoddisfatte delle donne ".

Il presente comunicato è una traduzione fedele dell’originale inglese disponibile nell'area Media di GSK a cui si rimanda per completezza e riferimenti bibliografici.