Skip to Content Skip to Search

GSK annuncia i risultati della valutazione del suo anticorpo monoclonale sperimentale, otilimab, per il trattamento di pazienti adulti ospedalizzati con COVID-19

GlaxoSmithKline plc (LSE / NYSE: GSK) ha annunciato oggi i risultati dello studio di fase 2 “proof of concept” OSCAR (Otilimab in Severe COVID-19 Related Disease) con otilimab, un fattore stimolante le colonie di macrofagi anti-granulociti (anti-GM-CSF) ) anticorpo monoclonale.

Londra - Regno Unito, 25 febbraio 2021 - L'endpoint primario dello studio OSCAR era la percentuale di pazienti COVID-19 che erano vivi e privi di insufficienza respiratoria 28 giorni dopo il trattamento con una singola dose di otilimab in aggiunta allo standard di cura (inclusi trattamenti antivirali e corticosteroidi), rispetto ai pazienti in trattamento solo con standard di cura. I dati provenienti da pazienti di tutte le età hanno mostrato una differenza di trattamento del 5,3% ( 95% CI = - 0,8% , 11,4% ), ma senza raggiungere la significatività statistica. Tuttavia, una pre-pianificata analisi di efficacia per età nei pazienti di 70 anni e oltre (N = 180, 806 nello studio totale) ha mostrato che il 65,1% dei pazienti era vivo e libero da insufficienza respiratoria 28 giorni dopo il trattamento con otilimab più standard di cura, rispetto al 45,9 % dei pazienti che avevano ricevuto il solo standard di cura (delta del 19,1%, 95% CI = 5,2%, 33,1%) (nominale p - value = 0.009) . Inoltre, in un’analisi della mortalità fino al giorno 60, una differenza di trattamento del 14,4% in favore di otilimab è stata vista con tassi del 40,4% su standard di cura contro il 26% su otilimab più terapia standard ( 95% CI = 0. 9 %, 2 7 , 9%) (nominale p-value = 0.040) in pazienti di 70 anni di età ed oltre.

Questi dati suggeriscono un potenziale ed importante beneficio clinico in un pre-definito sottogruppo di pazienti ad alto rischio e la necessità di salute pubblica, GSK ha quindi deciso di modificare lo studio OSCAR per espandere questa coorte per confermare questi risultati potenzialmente significativi.

Christopher Corsico, Senior Vice President Development, GSK , ha dichiarato: “I pazienti di età pari o superiore a 70 anni rappresentano il 70% dei decessi correlati a COVID e quasi il 40% dei ricoveri. La nostra comprensione scientifica di COVID continua ad evolversi a un ritmo rapido con studi recenti che suggeriscono che GM-CSF è elevato in questo gruppo di pazienti. Dato il profondo impatto che questa pandemia sta avendo sugli anziani e i dati incoraggianti che condividiamo oggi, speriamo che questa scoperta venga replicata nella coorte aggiuntiva ". 

Circa il 10-15% dei pazienti con diagnosi di COVID-19 soffre di una malattia grave che comporta problemi respiratori che possono richiedere ospedalizzazione e terapia intensiva, con un ulteriore 5% dei pazienti che si ammalano in condizioni critiche. L'età è ampiamente riconosciuta come un fattore di rischio significativo per la grave malattia da COVID-19 . Una maggiore gravità della malattia e un aumento della mortalità si osservano costantemente nei pazienti più anziani con COVID-19 polmonare grave. Secondo i Centers for Disease Control and Prevention degli Stati Uniti , il rischio di ospedalizzazione è 5 volte maggiore per i pazienti di età compresa tra 70 e 74 anni, fino a 8 volte maggiore per i pazienti di età pari o superiore a 75 anni. Questi pazienti spesso necessitano di interventi respiratori compreso un significativo supporto di ossigeno o ventilazione meccanica . I gravi sintomi respiratori di COVID-19 sono causati dal sistema immunitario del corpo che entra in super attività per eliminare il virus e possono portare a complicazioni potenzialmente letali o addirittura alla morte.                   

Ricerche recenti suggeriscono che il ruolo della citochina GM-CSF nella risposta immunitaria a COVID -19 può essere più prominente nei pazienti di età superiore ai 70 anni, mettendoli a maggior rischio di gravi complicazioni legate a COVID-19. C'è una necessità insoddisfatta di ulteriori terapie per aiutare a mediare la risposta immunitaria in questa popolazione di pazienti. 

La coorte aggiuntiva dello studio OSCAR seguirà un disegno di studio simile e arruolerà circa 350 pazienti di età di 70 anni e oltre.

Le terapie attualmente disponibili hanno un beneficio clinico limitato nelle fasi più gravi del COVID-19 in ospedale, quando i pazienti richiedono ossigeno ad alto flusso o ventilazione meccanica invasiva. Ad oggi, nessuna terapia immunomodulante mirata ha dimostrato di avere benefici sufficienti per migliorare il recupero dall'insufficienza respiratoria o ridurre la mortalità nei pazienti di età pari o superiore a 70 anni .

Nello studio OSCAR, l'evento avverso grave più comune osservato è stato l'insufficienza respiratoria (5% per il placebo, 4% per otilimab). Nel complesso, tutti gli eventi avversi e gli eventi avversi gravi osservati erano tipici di una popolazione COVID-19 grave . Nel sottogruppo di età pari o superiore a 70 anni , i tassi di incidenza di eventi avversi gravi e eventi avversi fatali erano inferiori nel gruppo otilimab rispetto al gruppo placebo.

Informazioni sullo studio OSCAR di fase 2

Questa studio globale, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, multicentrico, di fase 2 proof of concept OSCAR ( NCT04376684 ) ha valutato l'efficacia e la sicurezza di una singola infusione endovenosa di otilimab 90 mg in più di un'ora o placebo oltre allo standard di cura in 806 adulti ospedalizzati (di età compresa tra 18 e 79 anni) con grave malattia polmonare correlata a COVID-19. Lo standard di cura ha consentito l'uso di corticosteroidi (incluso desametasone), remdesivir e plasma convalescente secondo le politiche ospedaliere / istituzionali locali. I partecipanti allo studio sono stati arruolati in 130 siti in tutto il mondo, inclusi Stati Uniti, Europa, Asia, Russia, Sud Africa e Sud America. Tutti i partecipanti hanno avuto un risultato positivo del test SARS-CoV-2; sono stati ricoverato in ospedale a causa di una diagnosi di polmonite; hanno avuto una compromissione dell'ossigenazione che richiede ossigeno ad alto flusso, ventilazione non invasiva o ventilazione meccanica < 48 ore prima della somministrazione; e avevano aumentati i marcatori biologici di infiammazione sistemica.                    

I partecipanti erano considerati "vivi e privi di insufficienza respiratoria'' se non avevano un supporto di ossigeno significativo misurato utilizzando una scala ordinale versione modificata GlaxoSmithKline (GSK) adattata dalla scala 2020 dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS).

È in corso un'analisi completa che sarà resa disponibile in una prossima pubblicazione, quando disponibile .

A proposito di Otilimab

Otilimab (precedentemente GSK3196165) è un anticorpo monoclonale completamente umano che inibisce il fattore stimolante le colonie di granulociti-macrofagi (GM-CSF), una proteina che svolge un ruolo centrale in un'ampia gamma di malattie immuno-mediate, inclusa l'artrite reumatoide. GM-CSF agisce sulle cellule, compresi i macrofagi (un tipo di cellula immunitaria che svolge un ruolo chiave nel processo infiammatorio), provocando infiammazione, danni alle articolazioni e dolore. Otilimab neutralizza la funzione biologica di GM-CSF bloccando l'interazione di GM-CSF con il suo recettore sulla superficie cellulare. Nel 2013 GSK ha assunto la responsabilità esclusiva mondiale di otilimab di MorphoSys AG per tutte le attività di sviluppo e commercializzazione in tutti i campi terapeutici.

Il presente comunicato è una sintesi fedele dell’originale in inglese reperibile nell'area Media del sito globale di GSK a cui si rimanda per completezza e riferimenti bibliografici.