Salute – il dolore muscolo-scheletrico è una costante per gli italiani e una delle barriere ad una vita sana e in movimento. L’esperto: il movimento va recuperato, fa vivere meglio e più a lungo.

  • Secondo l’indagine Global Pain Index, promossa da GSK CH, sono oltre 9 su 10 gli italiani che hanno sofferto di dolore muscolo-scheletrico almeno una volta nella vita [i]
  • Più di 6 italiani su 10 dichiarano di non praticare alcun tipo di esercizio motorio o attività sportiva [ii]
  • 7 italiani su 10 si sentono limitati nell’attività sportiva e conducono una vita meno attiva a causa del dolore muscolo-scheletrico, con conseguenze sul benessere fisico e psicologico [iii].

 

Milano, 20 novembre 2019 – L’attività motoria è ormai inconfutabilmente riconosciuta come elemento fondamentale per mantenere uno stato di benessere fisico e psicologico. Gran parte degli italiani però la trascura completamente, spesso per mancanza di tempo[iv]. Il movimento che fa bene, tuttavia, si nasconde nelle attività della vita quotidiana e, per giovare dei relativi benefici, non occorre necessariamente essere degli sportivi.

Per molti italiani, inoltre, l’assenza di movimento è legata al dolore muscolo-scheletrico, che limita l’attività motoria e impone uno stile di vita meno attivo. I dati dell’indagine globale Global Pain Index (GPI), promossa da GSK Consumer Healthcare (GSK CH), mostrano l’ampiezza dell’impatto che il dolore muscolo-scheletrico ha a livello individuale, sociale e familiare ed evidenziano i limiti che il dolore pone a uno stile di vita attivo, contro sovrappeso e obesità. Tra gli italiani intervistati, 7 su 10 hanno dichiarato di sentirsi limitati nell’attività sportiva e di condurre una vita meno attiva a causa del dolore muscolo-scheletrico e circa 4 su 10 ne soffrono settimanalmente.

 “È ormai universalmente riconosciuto il ruolo fondamentale del movimento nel benessere psicofisico della persona, favorendo una vita più lunga e diminuendo la possibilità di insorgenza di malattie cardiovascolari e metaboliche. Per favorire il movimento bisogna innanzitutto individuare gli ostacoli e i disincentivi a una sana attività fisica e impegnarsi per la loro rimozione. – spiega Claudio Cricelli, Presidente SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) – Il dolore muscolo-scheletrico, come mal di schiena, dolore muscolare, dolore cervicale, è una condizione molto diffusa, ma spesso sottovalutata come causa di sedentarietà. I dati mostrano infatti che chi soffre di dolore muscolo-scheletrico si sente limitato nello svolgimento delle normali attività quotidiane, tra cui anche le attività sportive, con un importante impatto sulla persona”.

Il 93% degli italiani intervistati ha riportato episodi di dolore[1] nell’anno immediatamente precedente l’intervista: un problema diffuso, con risvolti evidenti sulla qualità e sullo stile di vita.

“Il dolore muscolo-scheletrico rappresenta un ostacolo molto comune allo svolgimento dell’attività sportiva e del movimento in generale, perché impone periodi di stop forzati e crea disagio durante l’attività. Questo vale per le attività sportive, ma anche per la normale attività fisica che rientra nelle nostre abitudini quotidiane. - continua Cricelli – Il dolore è un campanello d’allarme del nostro organismo ed è importante non trascurarlo, individuarne le cause sottostanti e intervenire tempestivamente per evitarne il peggioramento e il ricorso a soluzioni più invasive. Se in una prima fase il dolore va assecondato con una temporanea sospensione delle normali attività motorie, l’obiettivo deve essere però quello di tornare in movimento appena possibile e rieducare l’organismo alle attività motorie anche semplici, come camminare, andare in bicicletta, fare le scale. In questo contesto, il ricorso all’automedicazione nei casi dolorosi più comuni e meno gravi è sicuramente utile per agevolare il processo di ripresa”.

Intervenire è possibile e i benefici di una vita senza dolore muscolo-scheletrico si allargano anche alla sfera sociale e familiare: quando il dolore svanisce, le persone riscoprono il movimento (47%), con importanti effetti positivi, anche di natura psicologica, sul modo di vivere la propria quotidianità[v].

Eppure, quasi 6 italiani su 10 dichiarano di non praticare nemmeno le attività motorie più legate alla vita di tutti i giorni, come usare la bicicletta per i piccoli spostamenti, il ballo e il giardinaggio [vi].

“Liberare le persone dal dolore muscolo-scheletrico significa portare beneficio non solo al singolo individuo, ma anche alla sua sfera sociale e familiare, a favore di società più sane e attive. – commenta Denis Vallée, Direttore Medico Italia di GSK Consumer Healthcare, azienda internazionale impegnata da anni nella ricerca e nello sviluppo di soluzioni per il trattamento del dolore muscolo-scheletrico oltre che per altre aree terapeutiche - In qualità di leader globali nel settore, con un’ampia esperienza internazionale, in GSK CH ci impegniamo ogni giorno per un mondo libero dal dolore e crediamo fortemente che questa problematica così diffusa possa essere contenuta e contrastata, a partire dall’informazione e dalla prevenzione”.

Per informazioni e consigli utili a contrastare il dolore muscolo-scheletrico, è disponibile il sito web www.ritornainmovimento.it, portale dove, oltre alle informazioni sui prodotti  di GSK CH per il sollievo dal dolore muscolare, si possono trovare contenuti dedicati a far conoscere il dolore muscolo-scheletrico e favorire un approccio corretto per contrastarlo. Il sito ospita, oltre a informazioni, suggerimenti e approfondimenti, anche utili tutorial video dedicati allo yoga, allo stretching, ma anche a semplici esercizi da svolgere sul luogo di lavoro, sia per coloro che passano molto tempo alla scrivania, sia per chi invece svolge professioni che richiedono di stare in piedi per molte ore.

 

L’indagine Global Pain Index (GPI)

Il Global Pain Index (GPI) è un progetto di ricerca globale volto ad approfondire quale sia l’impatto nel mondo del dolore muscolo-scheletrico, dal mal di schiena al mal di collo, fino a dolori muscolari e articolari. L’indagine, promossa da GSK Consumer Healthcare (GSK CH), è stata realizzata dalla società globale di consulenza e di ricerca Edelman Intelligence e nel 2018 ha coinvolto oltre 24.000 persone in 24 Paesi, di cui 1.000 italiani, mettendo in luce importanti fattori culturali, ma anche psicologici e relazionali, che contribuiscono a rendere il dolore muscolo-scheletrico una barriera per il benessere delle persone e delle società.

GSK Consumer Healthcare

GSK Consumer Healthcare, società del Gruppo GSK (GlaxoSmithKline), è la principale azienda al mondo nel settore dell’automedicazione, presente in 115 paesi con un fatturato di 7,9 miliardi di sterline e una produzione annuale che supera i 6 miliardi di prodotti. In Italia, è presente con alcuni dei marchi più noti negli ambiti dell'igiene e della salute orale, tra cui Parodontax, Sensodyne e Polident, del libero movimento e della respirazione, come Voltaren Emulgel e Rinazina.* Per maggiori informazioni, visitare il sito web  www.gsk.it/aree-di-attivita/consumer-healthcare/.

 

[1] Questo dato fa riferimento al dolore fisico inteso nelle sue diverse accezioni (es: dolore muscolo-scheletrico, mal di testa, ecc...)

[i] S12: Net inverse of those who said 'Never, I never experience this type of pain'  (Base: total sample) / 6. S13: Net inverse of those who said 'Never, I never

[ii] Special Eurobarometer 472 – March 2018 – QB1 How often do you exercise or play sport?

[iii] Q25: Please tell us if you agree or disagree with each of the following statements regarding the most frequent pain you experience – Yes - My ability to participate in the physical activities I like is compromised when I experience this pain

[iv] Special Eurobarometer 472 – March 2018 - QB9 What are the main reasons currently preventing you from practicing sport more regularly?

[v] Q44/Q45. Think about the moment your pain goes away. How do you feel in that moment? When my pain stops... – I Rediscover Movement

[vi] Special Eurobarometer 472 - March 2018 – QB2 How often do you engage in other physical activity such as cycling from one place to another, dancing, gardening, etc.?

 

Comunicato a cura di GSK Consumer Healthcare S.p.A.

CHITACHVOLT009919

(*) I marchi vengono citati a esclusivo uso dei sigg. giornalisti per completezza di informazione